Persone con disabilità, centri diurni verso la riapertura: “Le famiglie aspettano con ansia, l’isolamento è un calvario”

Sono circa un milione gli utenti in Italia che aspettano che la situazione cambi e che ci sia una concreta risvolta.

In particolare le famiglie con persone con disabilità attendono da sempre interventi mirati a loro favore.

La FASE 2 dell’emergenza coronavirus ha decretato anche la possibile riapertura dei Centri per le persone con disabilità, ma i dubbi sono tanti e le domande che provengono dai servizi ancora aperte.

 Il presidente di ANFFAS NAZIONALE Roberto Speziale sottolinea quanto possa essere positiva la riapertura, ma allo stesso tempo continua mettendo in luce le tante perplessità sia da parte delle Regioni, prima, sia da parte dei servizi, dopo, nel gestire la nuova situazione di messa in sicurezza.